Pagina principale faq Amiga Life a Pianeta Amiga La redazione
Galleria Indice generale
Enigma Amiga Life

AmigaLife 121 ?

AmiVerse
Intervista con Haage and Partner
In collaborazione con Quantum Leap

In questo periodo, il mondo dello sviluppo è fortemente attratto dall'Ambiente Digitale (DE - Digital Environment) del Nuovo Amiga. Nonostante il Nuovo Amiga stia suscitando un grande interesse tra gli sviluppatori esterni all'attuale comunità Amiga, certamente sta portando con sé anche coloro che erano già molto conosciuti per lo sviluppo sull'Amiga Classico.

A questo proposito, un buon esempio è rappresentato da Haage & Partner, affermata società sviluppatrice ed editrice di software per Amiga. Essi attualmente stanno creando per il Nuovo Amiga un ambiente di sviluppo integrato e un linguaggio di programmazione compatibile con l'ARexx.

Amiga World ha intervistato il portavoce e webmaster di Haage & Partner Markus Nerding, chiedendogli di illustrarci i progetti di H&P riguardanti il Nuovo Amiga. Egli ci ha detto che la preparazione per una nuova generazione di prodotti H&P è iniziata due anni fa, una decisione che senza dubbio permetterà alla società di recitare un ruolo di primo piano quando il nuovo Ambiente Digitale di Amiga - o per meglio dire, Ami - sarà reso disponibile.
"Elate è una base buona ed affidabile per il nostro sviluppo", esordisce Markus. "E' stato continuamente migliorato da quando lo abbiamo visto per la prima volta, e sono state aggiunte moltissime caratteristiche che ci faciliteranno di molto il lavoro di programmazione".
Il team di programmazione di H&P apprezza in modo particolare il davvero unico Processore Virtuale che sarà il cuore di Ami. Il programmatore non deve più preoccuparsi del problema di gestire diverse CPU, perché il file binario del programma che ha creato funzionerà senza bisogno di modifiche su un numero di piattaforme incredibilmente alto: ben quaranta, dall'ultimo conteggio. Altri punti di forza di Ami sono un velocissimo ambiente Java e le sue dimensioni veramente contenute.

Cosa possiamo dire circa la programmazione di Ami? Comporta una grande differenza rispetto al lavoro con AmigaOS? Il team di programmazione deve affrontare un grosso sforzo di transizione? A queste domande, Markus ha risposto che ci sono alcuni concetti nuovi, convenzioni con i nomi e con le chiamate di sistema a cui ci si dovrà abituare. Ma tutto ciò è relativamente semplice, ed è "abbastanza facile" portare i sorgenti Amiga sul nuovo sistema. Nerding ha inoltre aggiunto che, quando si incontrano difficoltà, il supporto allo sviluppo di Amiga è "abbastanza buono" nel chiarire i problemi.

Il primo prodotto che Haage & Partner realizzerà per il Nuovo Amiga sarà StormC, un ambiente di sviluppo software completo. StormC è stato un progetto in corso di sviluppo alla Haage & Partner negli ultimi sei anni, ed è già ampiamente conosciuto dai programmatori Amiga. Due anni fa H&P decise di rendere più flessibile e portabile l'intero ambiente. La versione attuale per l'AmigaOS classico già mostra questa evoluzione, attraverso vari componenti indipendenti in comunicazione tra loro mediante una speciale interfaccia ARexx. Ciò rende l'intero IDE (Integrated Development Environment, ambiente di sviluppo integrato) estremamente flessibile, facilmente estendibile e potenziabile tramite componenti esterni.
Un esempio potrebbe essere l'inserimento di un Sistema di Controllo e Revisione (RCS), cioè un insieme di programmi che tracciano le modifiche nei file di testo e controllano la condivisione degli accessi ai file in situazioni di lavoro di gruppo. Un altro esempio è la facilità con la quale il compilatore può essere sostituito dal compilatore GCC di Tao, il quale produce codice per il Processore Virtuale (VP) del Nuovo Amiga.
Durante gli ultimi due anni, quasi tutti i diversi componenti di StormC sono stati riprogettati per renderli non solo indipendenti dalla piattaforma, ma anche dal sistema di interfaccia grafica utente (GUI) utilizzato. Attualmente Haage & Partner sta usando come GUI un proprio set di estensioni BOOPSI (chiamato Storm Wizard GUI Development System). Questo vuol dire che lo Storm IDE è pronto per un facile porting verso piattaforme diverse dall'Amiga classico. Non appena Haage & Partner riceverà una versione più matura di Ami da parte di Amiga, il tutto sarà completato.

Un altro progetto attualmente in preparazione è StormREXX, la versione H&P di ARexx, il potente linguaggio script ampiamente usato nel mondo degli Amiga classici. Il progetto StormREXX nacque alcuni anni fa, e doveva servire per una versione di AmigaOS per processori PowerPC. La versione originale di ARexx non poteva essere facilmente adattata, essendo stata scritta in linguaggio assembly. StormREXX è compatibile con l'originale e migliorato con estensioni orientate agli oggetti. L'utilizzo di questo linguaggio Rexx sviluppato da terzi nel nuovo sistema Amiga, renderà più semplice per gli sviluppatori la traduzione dei loro programmi classici e più agevole per gli utenti l'adattamento dei loro script. E, naturalmente, non sarà necessario imparare un altro linguaggio di programmazione. "Stiamo quasi per portare a termine questo progetto, quindi StormREXX sarà in grado di funzionare su Ami molto presto", dice Markus.

Una volta che il sistema di sviluppo sarà completato, Haage & Partner inizierà il porting delle sue applicazioni classiche: il word processor Amiga Writer (arrivato recentemente alla versone 2.2) ed il suo programma di disegno ed elaborazione grafica ArtEffect (ora alla versione 4.0). Entrambi questi prodotti hanno iniziato ad essere riprogettati due anni fa, avendo bene in mente un loro futuro porting. Al momento sono tutti e due scritti al 100% in C o C++, quindi il lavoro principale riguarderà l'adattamento del sistema GUI. A seconda delle caratteristiche che avrà Ami e i suoi strumenti, questo lavoro richiederà un tempo variabile tra i tre e i sei mesi per ogni prodotto.

Haage & Partner sarà interessata dalla creazione di prodotti completamente nuovi per il Nuovo Amiga? Certamente, risponde Markus. "Ci sono parecchi prodotti che possiamo immaginare di fare per il Nuovo Amiga. Molti di loro saranno relativi ai progetti StormC o AmigaWriter. Ma prima di tutto dobbiamo fare il primo passo. E questo dipenderà anche da che tipo di software per il nuovo sistema faranno le altre aziende".

Abbiamo anche chiesto a Markus quali sono i piani che H&P ha in mente per la transizione da WarpOS e le schede PPC, verso l'Ambiente Digitale del Nuovo Amiga. "Per quanto noi sappiamo, Amiga/Tao Group non hanno ancora deciso come praticare al meglio questa strada", dice Nerding. "Noi siamo preparati per fornire aiuto in questo campo, favoriti anche dalla nostra esperienza con il PowerPC e AmigaOS. Una volta che Tao avrà completato una versione per PPC-Linux, non dovrebbe essere difficile portarla anche sugli Amiga PPC".

Per ciò che riguarda l'emulazione del sistema attuale sul nuovo Ambiente Digitale Amiga, Markus fa notare che sono possibili diversi tipi di approccio, il primo dei quali può essere rappresentato da un'emulazione "astratta" come UAE, che Amiga Inc. sta già sperimentando. Un'altra possibilità può essere di creare un'emulazione nativa sull'ambiente Amiga. H&P sta lavorando in stetta collaborazione con Amiga Inc. per trovare la migliore soluzione per questo importante aspetto.

Cosa si può dire su eventuali aggiornamenti per l'Amiga OS classico, e in che modo questi ultimi potrebbero interagire con il Nuovo Amiga? "Anche qui ci sono molte possibilità", spiega Nerding. "Forse non è così chiaro per il pubblico, ma lo sviluppo dell'AmigaOS Classico non è mai stato interrotto".

Molti altri entusiasmanti sviluppi verranno da parte di Haage & Partner e anche da altre società, man mano che il Nuovo Amiga continua a maturare e ad acquistare sempre più slancio. H&P è sempre stata una azienda innovativa e di successo, oltre che grande sostenitrice di Amiga. E sembra proprio che vogliano portare il loro recente successo nel futuro, insieme con il Nuovo Amiga.

© 1996 - 2000 Amiga Inc

Per gentile concessione di Amiga Inc, detentrice dei diritti sul testo originale, reperibile in http://www.amiga.com/press/zine/8-1-00/H&P/.
Tradotto da Fabio Ferriccioli e revisionato da Luca Truffarelli per Quantum Leap.
Revisione e adattamento per Amiga Life di Daniele Franza.
Amiga è un marchio registrato di Amiga Inc.

Torna al sommario

Copyright (C) 1999-2002, la redazione di AmigaLife.
Il logo e le copertine della rivista sono tratti dal sito Pluricom e sono Copyright (C) 1992-2001 Pluricom S.r.l.